Progetti e creatività

L’uomo e la montagna. Le fantastiche fotografie di Roberto Bertero

montagnaRecentemente ho avuto l’onore e il piacere di conoscere un fotografo professionista amante, come me, della montagna e della musica.

Sto parlando di Roberto Bertero, fotografo piemontese, che da 10 anni a questa parte, ha scalato buona parte delle vette alpine e dolomitiche dando vita ad un progetto fotografico stupefacente.

Che siate amanti della montagna o no, sono convinto che le fotografie di Roberto vi lasceranno a bocca aperta.

Ora però lascio parlare direttamente lui in modo che si possa presentare nel migliore dei modi ai lettori del photoblog. Godetevi le sue immagini!


montagnaMi chiamo Roberto Bertero, sono un musicista professionista, concertista, organista titolare del Santuario della Consolata e insegnante di organo/pianoforte al Centro di Formazione Musicale di Torino.
Dal 2007 ho intrapreso seriamente anche l’attività di fotografo d’alta montagna, ma l’amore per i luoghi remoti ed incontaminati mi accompagna sin da quando ne ho memoria.
Per me le Alpi hanno sempre rappresentato: avventura, grazia, libertà e mistero. Tutti attributi che possono contribuire a ben ispirare un’esistenza.

montagnaCosì come da una ventina d’anni adoro tenere concerti nelle più grandi cattedrali del mondo, immerso in secoli di storia architettonica, provo una simile sensazione quando sono temporaneo testimone degli immensi scenari alpini, dove i giochi di luce rivelano il mistero (come il suono mistico di un organo che si dipana in una navata gotica) generando forme e suggestioni nel millenario paesaggio naturale del “nostro” pianeta.

montagnall mio approccio alla fotografia è stato graduale, come penso accada alla maggioranza dei fotografi. Inizialmente, nell’età giovanile, mi limitavo ad osservare ammirato i luoghi alpini, poi ho iniziato a portare con me una compatta, dopodiché una semi-professionale e, negli ultimi dieci anni, una fotocamera professionale.
A tutti gli effetti la mia attrezzatura fotografica si è evoluta di pari passo con la mia passione, com’è bene che sia (mai mitizzare o perdersi nei meandri delle apparecchiature e del marketing!). L’attrezzatura fotografica che ora viaggia sempre con me è:

  • Canon 5D MarkII
  • Canon 17-40L
  • Canon 70-300
  • treppiedi in fibra di carbonio Benro C-057n6

null’altro, perché più attrezzatura ridurrebbe drasticamente le possibilità di raggiungere in montagna la meta (il più delle volte estrema) e la scelta della giusta meta è requisito imprescindibile di ogni vero paesaggista, come lo è poi il possedere le giuste capacità per ritrarla.

montagnaHo studiato i fondamenti della fotografia, le sue regole, come usare appieno una reflex in manuale e ho attentamente analizzato i lavori di molti fotografi, chiedendomi sempre non tanto cosa li rendesse “belli” o “perfetti” ma cosa li rendessi unici!

Ho così maturato idee personali sul come rispettare pienamente il soggetto senza sovraccaricarlo coi tipici stereotipi del “perfetto fotografo“. Non a caso ho sempre mirato a produrre foto, sì, di qualità, ma sperando di non portar mai l’osservatore a pensare: “Ecco il classico scatto da fotografo”.

montagnaNel tempo sono diventato sempre più selettivo: sul campo uso pochissimo la macchina fotografica, solo quando strettamente necessario… e, a scatti avvenuti, penso che la chiave di volta, ciò che può denotare una sorta di “maturità” forse raggiunta, sia il riuscire a dire a me stesso: “Questo scatto è buono, è ok… ma non ci siamo”… per ragioni sovente molto difficili da spiegare.

montagnaÈ importante esser severi nel giudicare il proprio lavoro. La maggior attività di selezione critica deve sempre partire dall’autore stesso.

Visto che non esiste cifra al mondo che potrebbe spingere un essere umano a salire, stazionare e scendere, per anni, lungo creste e ghiacciai in montagna, tra mille disagi, tormente, oscurità e gelo… è indubbio che solo un’autentica passione possa motivare una persona in tale attività. Pertanto devo dire che non mi ha neanche mai sfiorato l’anticamera del cervello calare ciò che stavo facendo in un disegno pratico. Anche perché ciò che più conta nelle nostre esistenze non lo scegliamo… pensiamo solo di averlo scelto, ma in realtà non è così… semplicemente abbiamo dovuto farlo.

montagnaMa se volessi collocare entro parametri tangibili il progetto da me realizzato in tutti questi anni (traendone frutti commerciali tanto tipici al mondo di pianura) non posso che esprimere il mio senso di sincera preoccupazione nel constatare quanto in Italia tutto ciò che dovrebbe far cultura e valorizzazione del territorio – unico al mondo! – stia poco alla volta svanendo. Sovente non ci sono fondi e in altri casi manca proprio la volontà nell’uscire dai soliti cliché. Peccato.

montagnaIl miglior consiglio che mi sentirei di dare a chi vuole dedicarsi alla fotografia è: “Trova qualcosa che ami veramente, sarà la tua ispirazione, diventerà il tuo soggetto fotografico. Lasciati trasportare dalla passione. Non farti mai infastidire da delusioni e difficoltà. Concediti tutto il tempo per crescere”.
Perché anche nel campo musicale sovente incontro soggetti che vogliono ottenere risultati… immediati (!??!). Capisco quanto questo approccio distorto sia anche figlio di certi spettacoli diseducativi del momento, ciò nonostante una persona dotata di discernimento dev’essere consapevole che, fatto salvo un po’ di talento (si spera!), è la persistenza nel tempo che farà la vera differenza.
Quindi, il segreto è ben capire ciò che si vuole realizzare e non mollare mai, prendendosi il proprio tempo. Mai correre.

montagnaFilosofia e approccio tecnico:

Nel mio caso una foto nasce essenzialmente da un desiderio, che diventa un’idea, la quale prende forma grazie a un impegno attivo nel realizzarla, con impiego di risorse, tempo, conoscenze, sacrifici, denaro e, trattandosi di fotografia di montagna, tanto sforzo fisico oltre che mentale.
Molte di queste operazioni avvengono in loco, pertanto è essenziale una grande conoscenza delle locations che desideriamo immortalare, cosa potenzialmente possono offrire e quando… con tutte le approssimazioni del caso, perché si sta operando a diretto contatto con le imprevedibili forze della natura.

montagna
Lo studio dell’esposizione ai punti cardinali è essenziale, così come il documentarsi su apposite mappe sul come si presenterà il cielo notturno (qualora si vogliano fotografare anche le stelle).
È basilare possedere e saper usare l’attrezzatura per la sopravvivenza in montagna, che sia di alta qualità e specifica per i luoghi in cui ci avventureremo.

montagnaA lavoro sul posto ultimato, fatte salve eventuali scelte artistiche (che è meglio valutare caso per caso), la post-produzione non dev’essere mai invasiva, nel pieno rispetto dell’arte suprema propria solo della natura e degli enormi sforzi compiuti per raggiungere la nostra location. Piuttosto, deve rivelarsi un prezioso supporto per compensare le limitazioni intrinseche delle nostre fotocamere.

montagnaIl raggiungimento di una vetta in montagna di per sé mi interessa poco, sempre che non sia parte di una più completa esperienza alpina, come: vivere le alte quote a tutte le ore del giorno, essere in grado di gestire le problematiche inerenti lo stazionamento in loco (sciogliere ghiaccio o neve per procurarsi acqua, allestire un riparo per la notte, etc.). Perché, a mio modo di vedere, il vero fascino sta proprio in questi elementi, che possono trasformare un’attività sportiva in una ben più completa lezione di vita.
Non c’è “conquista”in montagna, c’è piuttosto ricerca interiore, possibilità di liberarsi dal superfluo, focalizzando così i propri sensi su ciò che veramente conta nella vita.

montagnaLe foto che considero come buone sono la punta di un “iceberg” derivato da un percorso di continua e profonda ricerca riguardo gli ancestrali misteri di questo mondo e dell’universo.
Alle volte penso alla fotografia quasi come ad un pretesto per tornare in certi posti, cercarne di nuovi… e continuare così il “viaggio infinito”.
Sono consapevole di quanto sia complesso ritrarre, fedelmente, in un’immagine statica, tutto il dinamico splendore che vedo, sul posto, coi miei occhi…

montagnaPertanto svolgo quest’attività in modo disciplinato e responsabile, come dovuto tributo ai luoghi meravigliosi che visito e anche perché non sopporterei l’idea di sprecare tanta bellezza.

Ci sono volte in cui i miei sforzi portano buon frutto, altre un po’ meno… In ogni caso mi sembra d’interagire con l’impermanenza, in qualche modo “fissando nel tempo” scenari naturali che non appariranno mai più nello stesso modo, in un costante e immenso flusso naturale.

montagnamontagna montagna montagna montagna montagna


Se volete ammirare tutte le fotografie scattate in questi 10 anni da Roberto vi consiglio caldamente di far visita al suo sito o alle pagine sociale qua sotto:

Sito web (dov’è anche possibile acquistare stampe): http://www.robertobertero.com
Facebook: https://www.facebook.com/Roberto.Bertero.photographer
Flickr: https://www.flickr.com/photos/13980928@N03/

Tutte le fotografie in questo articolo sono di proprietà di Roberto Bertero e non possono essere utilizzate in nessun modo senza il suo consenso scritto.

Save

Save

Save

Save

Save

Save

L’uomo e la montagna. Le fantastiche fotografie di Roberto Bertero ultima modifica: 2017-10-04T14:55:31+00:00 da Stefano
offerte amazon

1 commento

Clicca qua per lasciare un commento

  • Buona sera Signor Bertero, grazie, e grazie molto per le sue fotografie e per il testo, testo e foto sono il riflesso di un modo di vita, leggendo si vede guardando si legge, così mi è apparso il suo articolo, è stato un grande piacere incontrarla su queste pagine.
    Perché tutto questo? Perché ho seguito, sicuramente con meno impegno, la sua via, amo la fotografia di montagna perché amo la montagna e ho un grande piacere quando posso fermare il tempo per guastarmelo in altri momento e luoghi. Ho il piacere dello sforzo per camminare, sentirmi veramente parte della natura, amo la fotografia perché mi permette di portare a casa un pezzetto dei miei sogni, e terza grande passione l’astronomia.
    La ringrazio per aver dato legna al fuoco.
    Auguri.

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!