Libri fotografici

Una vita per immagini: il nuovo libro di Steve McCurry

steve mccurry


Una vita per immagini: il nuovo libro di Steve McCurry. 
Un libro che non è solo un libro di fotografia, ma la storia di una vita.

Steve McCurry è ormai un’icona della fotografia moderna (qui la sua biografia). Dai primi avventurosi viaggi in Pakistan e Afghanistan alla fine degli anni 70’, da cui è tornato con alcune delle sue fotografie simbolo (tra cui il ritratto di Sharbat Gula, la “ragazza afghana dagli occhi verdi“, qui la storia), alle guerre in Iraq, Iran, Cambogia, Filippine, nel Golfo, in Afghanistan, …

Il nuovo libro “Una vita per Immagini” raccoglie cosi, in circa 600 fotografie, un terzo delle quali inedite, le esperienze di una vita in giro per il mondo. Non solo guerre dunque, ma anche volti e occhi, sofferenze e gioie, disastri naturali (i monsoni in India), i grandi spazi della natura come le cime ed altopiani himalayani, i luoghi e i momenti della fede e della spiritualità.


Non “solamente” un libro di Steve McCurry, ma un libro “su” Steve McCurry e sulle sue esperienze che lo hanno portato ad essere il fotografo e la persona che tutti conosciamo.

Un libro “pesante”, non solo per le quasi 400 pagine, ma perché racchiude al suo interno un racconto che si snoda per oltre 40 anni di vita e una sintesi di migliaia (o forse decine di migliaia) di fotografie raccolte in giro per il modo.

steve mccurry

Se vuoi acquistare il libro al miglior prezzo di Amazon, clicca qui.
Se vuoi vedere su Amazon altri libri di Steve McCurry, clicca qui.

Discalimer: Steve McCurry. Una vita per immagini, di Bonnie McCurry – Editore: Mondadori Electa

Una vita per immagini: il nuovo libro di Steve McCurry ultima modifica: 2018-10-26T07:30:35+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

AMAZON – La più venduta

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!