Concorsi fotografici Sony

Trionfo italiano ai Sony World Photography Awards 2018

Sony World Photography Awards 2018

Dopo aver premiato il 20 Marzo i vincitori della categoria OPEN dei Sony World Photography Awards 2018, è arrivato il momento dei premi più prestigiosi.

Ieri a Londra sono stati svelati tutti i vincitori del Sony World Photography Awards 2018, uno dei concorsi fotografici più famosi al mondo che quest’anno ha raggiunto la fantomatica cifra di 320mila candidature provenienti da 200 paesi diversi!

Il primo premio assoluto come miglior fotografo dell’anno è andato ad Alys Tomlinson che, con la sua serie “Ex-voto”, ha raccolto fotografie in luoghi di pellegrinaggio come Lourdes (Francia), Ballyvourney (Irlanda) e Grabarka (Polonia).

Trionfo dell’Italia quest’anno che ha portato ben 3 italiani sul podio più alto del Sony World Photography Awards 2018. Gianmaria Gava, Luca Locatelli e Roselena Ramistella hanno vinto il primo premio rispettivamente nelle categorie Architettura, Paesaggi e Wildlife. Altri tre italiani si sono aggiudicati il secondo e il terzo posto nelle sezioni Fotografia creativa, Scoperta e Sport.

(© Luca Locatelli, Italy, Vincitore del concorso per professionisti, Paesaggi (Professional competition), 2018 Sony World Photography Awards

Luca Locatelli ha conquistato il primo posto nella sezione “paesaggi” con la valle del marmo di Torano: una miniera di “oro bianco” nelle Alpi Epuane che l’uomo, giorno dopo giorno, prova a espugnare dai tempi dell’antica Roma e di Michelangelo. Un commercio che non ha mai conosciuto una battuta d’arresto: oggi, da questo candido maestoso universo di pietra partono migliaia di tir carichi verso l’Arabia Saudita e i Paesi del Golfo.

(© Roselena Ramistella, Italia, 1 posto, Professionisti, Natural World & Wildlife (2018 Professional competition), 2018 Sony World Photography Awards

Roselena Ramistella, prima nella categoria “Natural World And Wild Life” con la storia di un giovane siciliano che crisi economica e disoccupazione hanno spinto a dedicarsi ai campi e all’allevamento. Non passa giorno senza che Luigi si sporchi le mani per risparmiare qualche soldo e pagare il viaggio di ritorno in Sicilia alla sua fidanzata, una ragazza romena con cui sogna di trascorrere una vita insieme. Lo scatto vincitore fa parte di “Deep Land”, una serie dal sapore di altri tempi realizzata solcando le vecchie mulattiere siciliane sul dorso di un mulo.

Sony World Photography Awards 2018
(© Gianmaria Gava, Italia, 1 posto, Professionisti, Architettura (Professional competition), 2018 Sony World Photography Awards

Gianmaria Gava ha invece conquistato il podio nella sezione architettura con uno scatto realizzato a Vienna nel 2017, parte del progetto “Buildings”, una ricerca sulle forme archetipe dell’architettura. Quando mancano gli elementi funzionali degli edifici, le costruzioni appaiono forme geometriche pure e, in quanto tali, appaiono inabitabili.

Tutte le opere premiate saranno esposte alla mostra dei Sony World Photography Awards 2018, che si terrà a Londra dal 20 aprile al 6 maggio.

Se volete vedere tutti i vincitori del Sony World Photography Awards 2018, vi consiglio di visitare il sito web ufficiale dell’evento a questo indirizzo.

Trionfo italiano ai Sony World Photography Awards 2018 ultima modifica: 2018-04-21T08:00:55+00:00 da Stefano

Riguardo all'autore

Stefano

Sono un informatico con la passione smisurata per la fotografia, ho fondato il PHOTOBLOG nell'estate del 2016 per cercare di unire la mia passione al mio lavoro.
Ho iniziato per scherzo e ora mi ritrovo, con enorme orgoglio e umiltà, a gestire un sito in continua crescita tra i più visitati in Italia nel suo genere.
Cerco sempre notizie fresche, collaborazioni con fotografi e argomenti che possano essere utili a chiunque si avvicini al fantastico mondo della fotografia.

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

AMAZON – La più venduta

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!