Consigli utili

Obiettivi e composizione. Come la scelta dell’obiettivo condiziona la composizione.

Quando usciamo per una sessione fotografica, il tipo di obiettivo che porteremo con noi condizionerà le riprese e la composizione che potremo fare.

Questo è particolarmente importante nella fotografia di viaggio quando, per l’esigenza di avere sulle spalle un carico abbastanza leggero, saremo costretti a lasciare a casa qualcuno dei nostri obiettivi.

Come i nostri occhi ci permettono di guardare al mondo, allo stesso modo l’obiettivo della macchina fotografica permette di determinare come il soggetto è visto dalla fotocamera.

Prima di leggere questo articolo, guarda l’articolo sul fattore di crop e tieni sotto mano la tabella che vi era inclusa.

Vediamo quali sono le quattro cose fondamentali da sapere e capire sugli obiettivi e sulla composizione.

#1. La lunghezza focale e diversa dal campo visivo

Il campo visivo di un obiettivo è determinato da:
lunghezza focale,
dimensione del sensore digitale o della pellicola utilizzata.

Il campo visivo indica la parte della scena che vede l’obiettivo. Tuttavia, questa è una informazione che spesso non è facile ottenere in modo immediato, in quanto in genere i produttori di ottiche ci danno i dati della lunghezza focale e solo leggendo accuratamente le specifiche tecniche è possibile eventualmente trovare le informazioni relative al campo visivo.

Come la dimensione del sensore influenza la lunghezza focale effettiva dell’obiettivo, allo stesso modo influenza il suo campo visivo effettivo.

Ecco alcuni esempi pratici.


Esempio n. 1 – obiettivo da 50 mm

Un obiettivo da 50 mm ha un campo visivo che si avvicina a quello degli occhi umani, circa 47 gradi su una fotocamera full-frame. Ma cosa succede quando si inserisce l’obiettivo da 50 mm su una fotocamera APS-C (ad esempio con un fattore di crop di 1,6)?

Il mio obiettivo da 50mm diventa un obiettivo da 80mm e ha ora un campo visivo di circa 30 gradi, che lo rende un breve teleobiettivo. Questo cambiamento nel campo di vista significa che devi allontanarti dal soggetto per adattarlo al fotogramma, e quindi cambia anche la prospettiva.

Se si desidera l’equivalente di un obiettivo da 50 mm su una fotocamera APS-C, è necessario utilizzare una lunghezza focale di circa 31 mm, poiché ha lo stesso campo visivo (47 gradi).

Dal momento che non esiste una lente con quella lunghezza focale, puoi scegliere tra i due valori che più di avvicinano (un 28mm o un 35mm a seconda che tu voglia un campo visivo leggermente più largo o più stretto), oppure puoi impostare quella lunghezza focale se hai un zoom.



Esempio # 2 – obiettivo da 20 mm

Lo stesso vale per gli obiettivi grandangolari. Un obiettivo da 20 mm ha un campo visivo di circa 94 gradi. È un bel campo visivo ideale per la fotografia di paesaggio o la creazione di immagini con una prospettiva drammatica.

Ma usato su una fotocamera APS-C la lunghezza focale equivalente diventa di 32mm e il campo visivo si restringe a circa 65 gradi. È ancora un grandangolo, ma l’effetto è molto più moderato.

Ora ha quasi lo stesso campo visivo di un obiettivo 35mm su una fotocamera full-frame. Per ottenere lo stesso campo di vista dell’obiettivo da 21 mm (su una fotocamera APS-C con fattore di crop 1,6) si dovrà utilizzare un obiettivo da 14 mm.

Esempio # 3 – Obiettivo da 16mm

È persino possibile avere due obiettivi con la stessa lunghezza focale, ma diversi campi di vista (sulla stessa fotocamera). Un obiettivo grandangolare da 16 mm ha un campo visivo di 107 gradi, ma un fisheye da 16 mm ha un campo visivo di 180 gradi.

Hanno la stessa lunghezza focale, ma ognuno è progettato per uno scopo diverso. Il grandangolo da 16 mm è progettato per mantenere dritte le linee rette. Il fisheye non prova a farlo, e come risultato ha un campo visivo molto più ampio.

#2. Gli obiettivi grandangolari sono lenti di inclusione

Puoi pensare a qualsiasi obiettivo con un campo visivo più ampio di circa 63 gradi come un grandangolo. È un 35 mm o più corto su una fotocamera full-frame, un 20 mm su APS-C e circa un 18 mm su micro quattro terzi. Gli obiettivi grandangolari hanno due caratteristiche che influiscono sulla composizione.

L’ampio campo visivo consente di spostarsi vicino al soggetto per riempire la cornice. Ma, allo stesso tempo, gli obiettivi grandangolari includono anche un po’ di sfondo.

Più breve è la lunghezza focale, più vicino è necessario andare e più lo sfondo è incluso. Puoi sempre adattarti di più alla cornice della tua immagine con un obiettivo grandangolare, indipendentemente da quanto ti avvicini al soggetto. Lo sfondo ha anche maggiori probabilità di apparire più a fuoco, rispetto a lunghezze focali più lunghe.

Avvicinarsi, crea la prospettiva drammatica che alcuni fotografi amano. Mette in risalto la linea e crea un senso di profondità, che può mancare nelle immagini scattate con lunghezze focali più lunghe.

Il minimo cambiamento nel tuo punto di vista fa una differenza drammatica nella composizione della foto. Più breve è la lunghezza focale, più questo effetto aumenta. Poiché gli obiettivi grandangolari includono tanto sfondo, può essere difficile semplificare la composizione e rimuovere tutte le distrazioni. Non c’è modo di aggirarlo, è solo una caratteristica con cui devi convivere.

#3. I teleobiettivi sono lenti di esclusione

Un teleobiettivo è un obiettivo che ha un campo visivo di circa 30 gradi o meno. È circa un 85 mm o più su una fotocamera full-frame, un 50 mm su una fotocamera APS-C e un 40 mm su micro quattro terzi. I teleobiettivi sono obiettivi di esclusione.

Hanno un campo visivo ristretto. Riempi la cornice con il soggetto, e non otterrai molto altro spazio. Inoltre, è facile ottenere lo sfondo sfocato utilizzando un’apertura ampia e accertandosi che vi sia una distanza sufficiente tra il soggetto e lo sfondo.

#4. Le lenti normali occupano la via di mezzo

Gli obiettivi normali, quelli con un campo visivo di circa 55 gradi, occupano la via di mezzo tra il grandangolo e il teleobiettivo. Non creano immagini con la prospettiva drammatica che è possibile ottenere con un grandangolo, né escludono lo sfondo nella stessa misura del teleobiettivo.

Se hai un normale obiettivo principale puoi aprire l’apertura per sfocare lo sfondo, a volte in modo abbastanza drammatico se ti avvicini abbastanza al soggetto. Ma puoi anche mettere a fuoco tutto l’immagine.

Obiettivi e composizione. Come la scelta dell’obiettivo condiziona la composizione. ultima modifica: 2019-03-29T03:00:51+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!