Consigli utili

Macro Fotografia: 5 suggerimenti per iniziare

La macro fotografia è quel genere di fotografia che ha lo scopo di ritrarre soggetti molto piccoli grazie a obiettivi con un forte rapporto di ingrandimento.

Con la bella stagione, un nuovo e infinito mondo di colori, vitalità e attività ronzante si apre agli amanti della macro fotografia. È il momento perfetto per uscire all’aperto ed iniziare ad esplorare questo nuovo mondo!

Fare fotografie macro all’aria aperta può essere un’attività molto gratificante e piacevole, ma non deve essere complicata.

Conoscere alcune nozioni di base renderà perciò il nostro lavoro più semplice e permetterà di imparare ancora di più dalle nostre esperienze. Quindi quali sono i passaggi essenziali per godersi una sessione di macrofotografia all’aperto?

In questo articolo introduttivo non entreremo troppo nei dettagli, ma teniamo ben presente che i fattori più importanti per godersi la fotografia macro all’aperto sono il clima piacevole e una mente curiosa.

Quindi iniziamo!

1. Attrezzatura

La cosa bella della fotografia macro è che c’è una vasta gamma di attrezzature che puoi usare che spaziano da una configurazione complicata con obiettivi per microscopio alla fotocamera del cellulare.

Tra questi estremi ci sono fotocamere digitali compatte, che spesso hanno una modalità macro sorprendentemente buona, e reflex in combinazione con obiettivi macro, lenti addizionali aggiuntive (che però possono avere una resa qualitativa non ottimale) o tubi di prolunga.

Nelle fotocamere reflex è possibile anche utilizzare un obiettivo montato al contrario, mediante apposito adattatore.


1 : schema ottico macro fotografia con aggiunta di lenti addizionali
2 : schema ottico macro fotografia con lenti invertite
3 : schema ottico macro fotografia con lenti invertite e teleobiettivo.
4 : schema ottico macro fotografia con tubo di prolunga.

Il problema principale della macro fotografia è la ridotta profondità di campo: anche impostando la più piccola apertura disponibile sull’obiettivo (numero F alto – attenzione però ai problemi di aberrazione se utilizziamo delle aperture troppo piccole!) avrai a fuoco solamente una piccola parte del tuo soggetto.

È quindi importante mettere a fuoco il soggetto correttamente, ad esempio nel caso degli occhi o della testa di un insetto.

 

abbraccio

Se il tuo soggetto è grande (relativamente) e lo vuoi tutto a fuoco, allora potresti essere costretto a realizzare una serie di fotografie mettendo a fuoco su piani differenti e poi ricomponendo l’immagine in post elaborazione.

Fortunatamente, oggi, grazie a accessori come i banchi ottici o soffietti con movimenti micrometrici, è possibile realizzare queste serie di immagini in modo abbastanza agevole.

2. Trova un argomento

Cosa ti piacerebbe fotografare?

Le scelte all’aperto sono molte e varie. Può essere qualcosa di piccolo o un dettaglio di qualcosa di più grande. Potrebbe essere qualcosa che hai studiato e progettato per un lungo periodo o qualcosa che hai appena trovato.

È qui che entra in gioco la tua creatività. Se non hai un’idea specifica e cerchi ispirazione, sdraiarsi sull’erba in una giornata di sole e vedere il mondo dal punto di vista di una formica potrebbe aiutarti!

3. Illuminare il soggetto

Hai il tuo equipaggiamento, hai il tuo soggetto, ora tutto ciò che serve per una fotografia è un po’ di luce.

Una buona esposizione può essere ottenuta usando la luce naturale o una fonte di luce esterna (come un flash). Da una parte, usare la luce naturale è più facile, poiché non hai bisogno di altro che della tua fotocamera preferita, dall’altra, la luce naturale può essere piuttosto complicata.

Oltre ad essere inaffidabile, la natura stessa della macro fotografia richiede un campo visivo ristretto, il che significa che il sensore deve ricevere abbastanza luce da un’area molto piccola.

In breve, ci deve essere molta luce, specialmente se stai cercando di catturare qualcosa che si muove e hai una profondità di campo estremamente ridotta.

L’utilizzo di una fonte di luce esterna, ad esempio un flash, è un modo eccellente per controllare sia la quantità che la direzione della luce. Prima di iniziare, tuttavia, è utile apprendere un po’ delle basi della fotografia flash: come in ogni altra cosa, anche la fotografia con flash ha le sue sfide.

Anche l’aspetto grafico della foto sarà diverso a seconda che si utilizzi luce naturale o artificiale.

4. Stabilizzati

Ricorda che maggiore è la lunghezza focale che usi, maggiore è il rischio di ottenere un’immagine tremolante.

Ciò significa che anche se stai fotografando un soggetto immobile, il tuo tempo di posa deve essere veloce oppure devi usare un treppiede.

Un treppiede è un ottimo strumento fotografico in generale, ma è particolarmente utile nella fotografia macro, dove potrebbe non esserci abbastanza luce a causa dell’impostazione e del piccolo campo visivo.

In questo caso, un treppiede è essenziale. A volte potrebbe sembrare che il treppiede stia limitando i tuoi movimenti e rendendo la tua sessione fotografica qualcosa di più complicato di quello che vuoi che sia.

Ricordati che è possibile fare una fantastica fotografia macro senza un treppiede mantenendo la velocità dell’otturatore elevata.

5. Raccontare una storia

Quando si fotografa qualcosa di tecnicamente impegnativo e concettualmente straordinario, è facile dimenticare gli altri aspetti della fotografia. Ma come per la fotografia in generale, alcune delle macro fotografie più interessanti sono quelle che hanno una storia da raccontare.

Puoi creare il tuo racconto o semplicemente aprire gli occhi a tutte le piccole storie che ti vengono raccontate intorno, sempre.

Se ti fermi a dare un’occhiata, c’è molto da ispirare tra le piccole vite che vengono condotte all’aperto, sia che si tratti di una remota natura o del tuo giardino.

Immagini: Wikipedia/Pixabay

Macro Fotografia: 5 suggerimenti per iniziare ultima modifica: 2019-07-03T07:00:31+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!