Consigli utili

Il peggior incubo per un fotografo

incubo

Quale è il più grande incubo di ogni fotografo? Ovviamente, è il pensiero di una perdita catastrofica delle proprie fotografie.

Questo incubo accompagna i fotografi fin dagli albori della fotografia. Nei “vecchi” tempi della pellicola (e prima ancora delle lastre) le possibili opzioni erano abbastanza limitate.

Non si poteva far altro che tenere i negativi e le diapositive al sicuro negli appositi raccoglitori in un cassetto o in un armadio, cercando di preservarli da umidità e calore. Chi poteva utilizzava cassette di sicurezza antincendio o addirittura cassette di sicurezza bancarie.

Comunque, non sono pochi i casi in cui la collezione di immagini andava rovinata per un qualsiasi motivo, dall’incidente all’incuria, o perduta durante un trasloco. Gli stessi materiali, anche se mantenuti correttamente, potevano poi degradarsi per il semplice passare del tempo, soprattutto se non erano di qualità elevata.

Questi sono problemi che tutti abbiamo dovuto affrontare nel corso della nostra vita da fotografi analogici: la foto di quando eravamo piccoli e che avremmo voluto regalare al nostro lontano parente, era andata perduta.

L’arrivo della tecnologia digitale ha sicuramente facilitato, da una parte, la conservazione delle nostre immagini, ma ha creato nuovi problemi che devono essere comunque essere valutati per non scoprire comunque che, al momento del bisogno, le nostre immagini sono inutilizzabili.

Anche oggi l’incubo non è stato completamente cancellato, tenendo anche conto che la moltiplicazione dei mezzi con cui scattiamo fotografie (dallo smartphone alla fotocamera più sofisticata) ha altresì moltiplicato la possibilità di perdere preziose immagini.

Vediamo quindi quali sono i passaggi per ridurre al minimo il rischio della perdita delle immagini digitali.

1. Eseguire immediatamente il backup delle foto

Una volta terminata la sessione fotografica, trasferisci immediatamente sul computer le tue immagini. In questo caso il rimandare non è una buona scelta!

Ogni immagine potrebbe essere irripetibile e se per un qualunque motivo la cancelli dalla tua scheda di memoria, potrebbe essere molto arduo, se non impossibile, recuperarla.

Perché dovresti voler cancellare la tua memory card? Per errore certamente, ma anche perché hai esaurito lo spazio disponibile e devi ancora fotografare qualcosa che ti attira.

Per non correre rischi, se sei impossibilitato di eseguire un backup, viaggia sempre con un sufficiente numero di schede di memoria di dimensione opportuna.

2. Esegui il backup delle foto su un disco rigido di riserva

Una volta che hai copiato i tuoi file sul tuo computer, il prossimo passo dovrebbe essere quello di duplicare i tuoi file su un’unità di riserva. I dischi rigidi o le unità SSD del computer, possono essere di grande volume e mantenere così al sicuro tutti i tuoi dati, ma essendo mezzi tecnologici non sono esenti da guasti o da incidenti (chi non ha mai corso il rischio di rovesciare una bevanda sul computer?).

Per questo motivo è necessario ridurre il rischio utilizzando una unità di riserva. Se hai un gran numero di file di grandi dimensioni da trasferire e gestire, potresti anche utilizzare sul tuo computer una configurazione RAID (ad esempio RAID 1 con due hard-disk copierà contemporaneamente i dai sui due dispositivi).

3. Esegui il backup delle foto su un disco rigido di riserva che tieni fuori da casa o dal lavoro

Se non utilizzi un sistema cloud, fare una copia ridondante delle tue immagini è soltanto metà del lavoro. Infatti se mantieni le due copie nello stesso posto, entrambe possono essere esposte a un incidente che si verifica nel luogo in cui conservi i tuoi dispositivi.

Può sembrare un po’ paranoico, ma senza scomodare eventi naturali catastrofici, basta che si rompa un tubo dell’acqua per avere tutto compromesso. Quindi prova a conservare una copia delle tue immagini in un luogo terzo (non così vicino al tuo primario da essere esposto ai medesimi problemi, ma sufficientemente comodo e accessibile da eseguire aggiornamenti frequenti).

4. Utilizza un sistema cloud

Utilizzare un sistema cloud può essere la soluzione migliore per salvare i tuoi dati in modo sicuro. Ce ne sono di varie tipologie e con vari costi di abbonamento mensile. Sicuramente ne troverai uno adatto alle tue necessità. L’unica cosa è che dovrai utilizzare una connessione ad alta velocità, in caso contrario il tempo perso quando devi caricare o scaricare un file può essere eccessivo.

incubo

Quindi, perché non utilizzare solamente una archiviazione cloud e “liberare” l’hard-disk del computer da un notevole peso? In alcuni casi potresti dover lavorare in condizioni dove non sono disponibili linee dati affidabili e veloci. Inoltre un eventuale attacco del tipo DoS (Denial of Service) potrebbe rendere indisponibile il tuo servizio dati per qualche tempo (e quindi qui cadiamo in altro tipo di incubo informatico!).

5. Aggiorna i tuoi file e i tuoi formati di backup ad uno standard moderno

Un rischio che viene spesso trascurato è il tempo. Se le pellicole o le stampe si deteriorano nel tempo, gli equivalenti digitali rischiano l’obsolescenza del formato file / sistema di backup.

Non stiamo parlando della preistoria, ma fino a una ventina di anni fa i floppy disk erano il formato di backup preferito, seguito da CD e DVD. Ora molti computer moderni non hanno di serie alcun lettore di dischi.

Se non aggiorni quindi regolarmente i tuoi dispositivi di memorizzazione, questi potrebbero quindi diventare inutilizzabili dal tuo computer.

Lo stesso riguarda le interfacce di comunicazione (parallela, SCSI, Firewire, USB 1.0 e USB 2.0, USB 3.0, …).

incubo

Gli stessi formati dei file sono in continua evoluzione (GIF, JPEG, TIF, PSD, DNG, formati RAW proprietari e chissà che altro arriverà).

Come risultato di questo panorama in continua evoluzione, i fotografi devono essere al passo con le nuove tendenze tecnologiche e non solo essere disposti, ma desiderosi di aggiornare i loro archivi.

L’hobby fotografico ha sicuramente molti aspetti e il lavoro non termina una volta scattata la foto e elaborata l’immagine. Avevi valutato in modo ponderato anche queste problematiche o ti abbiamo creato un incubo che non avevi?

Il backup delle foto è un aspetto fondamentale per un flusso di lavoro moderno. Stare al passo con i tempi è quindi indispensabile!

Hai fatto il backup delle tue foto? Hai risolto il tuo incubo da fotografo?

Il peggior incubo per un fotografo ultima modifica: 2019-05-23T07:00:05+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!