Consigli utili

Il Minimalismo. Suggerimenti per fare foto minimaliste

Il minimalismo, fin dagli anni ’60 del ‘900, è entrato in quasi ogni aspetto della vita artistica, sia che si parli di design, di architettura, letteratura, musica e quindi anche di fotografia.

Lo stile di vita minimalista, grazie anche alla diffusione delle filosofie orientali, è divenuto esso stesso una reazione agli eccessi del consumismo che hanno pervaso gli ultimi decenni del ‘900, diventando quindi una vera e propria filosofia di vita: un particolare modo di vivere, di creare e persino un certo modo di viaggiare.

Anche se l’interpretazione è soggettiva, l’Enciclopedia Treccani definisce il minimalismo come “quella corrente artistica (…) caratterizzata da forme semplici (minimal), derivate generalmente dalla geometria elementare, da strutture modulari e seriali e dall’uso di materiali della moderna tecnologia industriale”.

Molti di noi sono attratti dal concetto “less is more“, con linee semplici, motivi geometrici, ombre chiare, colori e soggetti isolati. A volte questi elementi si trovano automaticamente alla portata del nostro obiettivo, altre volte è invece necessario un po’ di manipolazione dell’immagine per rimuovere gli elementi “di troppo”.

La chiave è allenare il tuo occhio per valutare ciò che è necessario per creare una storia forte. Ecco alcuni suggerimenti ed esempi per iniziare nella tua ricerca di immagini minimaliste.

1. Tecniche di composizione

Uno degli elementi chiave del minimalismo è il concetto “less is more”. Tuttavia, mantenerlo semplice non significa renderlo noioso. Contrariamente alla credenza popolare, un approccio minimalista richiede molta creatività. I soggetti ben posizionati e gli elementi chiave che aiutano a comunicare una storia sono tutti difficili da ottenere in ogni momento. Questi concetti richiedono spesso molta pratica fino a quando non diventa automatico il modo in cui vedi.

Inizia a porsi queste domande anche prima di portare la fotocamera all’occhio per scattare la foto. Prenditi il tuo tempo per comporre e non avere fretta di cliccare e andare avanti. Pensaci. A volte, se non è ovvio, guarda attraverso il mirino e guarda lo scatto invece di ritagliare distrazioni indesiderate nella post-elaborazione.

In situazioni in cui non è possibile rimuovere oggetti distraenti dal fotogramma, utilizzare la profondità di campo per isolare il soggetto dallo sfondo scattando con un’apertura più ampia (numero f il più piccolo possibile) consentito dall’obiettivo. Questo, in effetti, offusca lo sfondo, distrae gli elementi e dà un senso di minimalismo. Avrai bisogno di un obiettivo che possa effettivamente dare quell’effetto bokeh.

2. Colori e trame

Colori brillanti o anche colori contrastanti aiutano l’approccio minimalista aggiungendo la giusta quantità di contrasto. La chiave non è andare all’estremo, ma scegliere uno o forse due colori che funzionano bene tra loro e utilizzarli in modo visibile nell’immagine. A volte anche l’aggiunta di un po’ di texture nell’immagine può aiutare a migliorare l’aspetto visivo.

Osserva inizialmente la ruota dei colori e familiarizza con i colori contrastanti. Ma non concentrarti solo su quello. Abbi fiducia nei tuoi occhi per catturare situazioni come questa per praticare il minimalismo, anche se è sul tuo telefono.

3. Linee e schemi principali

Linee e schemi, se fatti correttamente, possono anche aiutare nell’approccio minimalista. Tuttavia, cerca di mantenerlo semplice. Linee principali e altre forme geometriche possono fare grandi sfondi per immagini minimaliste.

Ma se ci sono troppi elementi nel frame, possono rendere l’immagine caotica e occupata, che non è il modo pulito minimalista. A volte basta trovare un angolo creativo per fotografare. Sperimenta con diverse angolazioni: dritto, alto o basso, fino a quando non ottieni uno scatto che mostri la tua visione dell’immagine.

4. Spazio negativo

Imparare a usare lo spazio negativo è un enorme vantaggio quando si abbraccia il movimento minimalista. Lo spazio negativo consente al soggetto principale di respirare liberamente.

Trasmette un senso di leggerezza nel luogo e nello spazio. Lo spazio negativo è un ottimo modo per isolare il soggetto in modo che lo spettatore possa facilmente interpretare la storia che stai cercando di trasmettere.

Ricorda che lo spazio negativo non significa sempre un singolo soggetto e non significa nemmeno fotografare sempre rispettando la regola dei terzi. Significa lasciare meno confusione nel fotogramma. Lo spazio negativo, insieme alla posa, può aggiungere molto dramma a un ritratto altrimenti semplice.

5. Raccontare una storia

Uno dei modi migliori per praticare e perfezionare la fotografia minimalista è raccontare una storia. Chiediti se gli elementi nella cornice aiutano a far avanzare la storia o la ostacolano. A volte è necessario un elemento umano per raccontare la storia, e altre volte, non è necessario.

Simmetria, linee, motivi e ombre assumono il ruolo di raccontare la storia. A volte la storia e l’ambiente si uniscono spontaneamente, ed è compito del fotografo vederlo e rispondere rapidamente. Altre volte richiede un po’ di pazienza per il soggetto giusto per muoversi attraverso il fotogramma.

La cosa buona è che un approccio minimalista alla fotografia può essere applicato in natura così come in un ambiente urbano. Puoi esercitarti ovunque, quindi esci e apriti a un diverso modo di vedere con la tua macchina fotografica, indipendentemente dal genere.

6. Post-elaborazione

La fotografia minimalista non finisce quando si riprende l’immagine. Puoi estendere questo concetto anche alla post-elaborazione. Il modo più semplice per approcciare la fotografia minimalista in post-elaborazione è mantenere semplice il trattamento dell’immagine.

Evita immagini molto sature, molto contrasto e correzioni cromatiche intense. Con i ritratti, non correggere tutte le imperfezioni della pelle e del tono. Lascia che la bellezza naturale del soggetto si mostri senza troppi ritocchi.

Conclusione

Nella fotografia, il minimalismo è un’affermazione visiva in cui la storia della fotografia è semplificata, gli elementi ridotti e lo spazio pulito aggiunto.

Non solo la fotografia minimalista è diventata un suo genere, ma i fotografi specializzati nella disciplina hanno creato uno spazio attraente di arte e creatività per tutti noi. Come fotografi, è doveroso prestare attenzione a questa tendenza e vedere come possiamo applicarla nel nostro lavoro.

Il Minimalismo. Suggerimenti per fare foto minimaliste ultima modifica: 2019-08-05T07:00:28+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!