Consigli utili

Fotografare i fulmini: alcuni consigli pratici

Fotografare i fulmini

Fotografare i fulmini è sicuramente una attività che può dare parecchie soddisfazioni e può permetterci di portare a casa  uno scatto invidiato da molti.

Fotografare i fulmini può essere però MOLTO pericoloso. I fulmini cadono in modo imprevedibile e NON è vero che un fulmine non cade mai nello stesso posto. Anche se essere colpiti da un fulmine non è sempre mortale (qui la storia di Roy Sullivan, colpito sette volte da un fulmine), è meglio non correre rischi inutili.

Vediamo dunque assieme alcuni piccoli suggerimenti su come fotografare i fulmini.

Indice:

  • sicurezza prima di tutto
  • prepara l’equipaggiamento
  • trova una tempesta di fulmini e una buona visuale
  • regola le impostazione della fotocamera

Sicurezza prima di tutto

Per prima cosa è necessario trovare un posto sicuro per appostarsi: interno di un edificio, una macchina, un qualunque luogo che possa quindi proteggerci da un colpo diretto. Evitare di posizionarsi all’aperto, soprattutto in prossimità di corsi d’acqua, alberi, pali elettrici, edifici di grande altezza.



Ricordiamoci che, anche se il temporale sembra lontano, i fulmini possono percorrere distanze molto elevate e colpire dove meno ce lo aspettiamo.

Fotografare i fulmini

Prepara l’equipaggiamento

Per fotografare i fulmini un treppiede è sicuramente necessario: con la macchina fotografica impostata su manuale per tempo di posa e diaframmi, è necessario che la macchina sia ben stabile.

Per ottenere un buono scatto il tempo di posa dovrà essere fissato tra 3s e 30s, per cui ogni minima vibrazione influenzerà la nitidezza dell’immagine.

Qualsiasi obiettivo può andare bene, ma è meglio utilizzare un grandangolare o uno zoom, dal momento che permettono una maggiore flessibilità  di cambiare lunghezza focale e puntare una zona specifica.

Proteggi la macchina fotografica e l’obiettivo dalla pioggia, soprattutto se sei in un posto di mare: la salsedine è estremamente corrosiva e potrebbe danneggiare l’attrezzatura.

Utilizza un telecomando (a filo o infrarossi). Dovendo utilizzare tempi di esposizione piuttosto lunghi, le vibrazioni dovute alla pressione del pulsante di scatto possono rendere mossa l’immagine risultante.

Utilizza una torcia, per due motivi: muoversi nell’oscurità può essere pericoloso e, se il lampo è lontano, potresti “dipingere”il soggetto in primo piano con la luce della torcia per rendere l’immagine più drammatica.

Fotografare i fulmini

Trova una tempesta di fulmini e una buona visuale

Trovare una tempesta di fulmini non è in genere un problema: i fulmini cadono ovunque e il sito dell’Aeronautica Militare può aiutare per la previsione dei fenomeni intensi.

Difficile invece è trovare un luogo da cui fare una bella foto di un fulmine: un bella visione del cielo e un primo piano o uno sfondo relativamente belli (tenendo anche conto delle esigenze di sicurezza viste prima).

Fotografare i fulmini

Regola le impostazione della fotocamera

Assicura la fotocamera sul treppiede e assicurati che eventuali raffiche di vento non compromettano il tutto.

Imposta la fotocamera:

  • metti su messa a fuoco manuale (le macchine digitali non riescono a mettere a fuoco correttamente quando la luminosità è scarsa) e regola il fuoco su infinito. Fai uno scatto di prova e controlla sul visore LCD della telecamera che tutto l’immagine sia nitida sul display;
  • imposta un numero di ISO basso (es. ISO 100);
  • imposta la fotocamera su modalità manuale completa in modo da avere il pieno controllo dell’apertura e della velocità dell’otturatore (eventuali fulmini possono illuminare l’area e quindi dare una esposizione non corretta). Fa alcune prove a seconda della luminosità della zona in cui ti trovi: ad esempio f/8 e tempo di 3-5s. Se sei in una zona buia potrebbe essere necessario aumentare il tempo dell’otturatore a 15-30s, mentre in una zona illuminata, per evitare di ottenere una immagine sovraesposta, potrebbe essere necessario ridurre l’apertura fino a f/16 o più.
  • componi il tuo scatto. Il soggetto deve essere il fulmine (quando comparirà). Questo vuol dire che probabilmente (ma non è una regola fissa) il 60-80% della tua immagine deve essere riservato al cielo e il 20-40% al terreno.

Fotografare i fulmini

Sii paziente!

Purtroppo non è facile prevedere dove e quando apparirà il fulmine. La maggioranza delle foto saranno quindi da buttare, ma le poche rimaste saranno sicuramente estremamente d’effetto e fantastiche.

Se cerchi su Amazon:

Immagini: Pixabay

Fotografare i fulmini: alcuni consigli pratici ultima modifica: 2018-11-03T07:30:12+00:00 da Giovanni

Riguardo all'autore

Giovanni

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!