Grandi Fotografi News

3 gambe e 3 mani. Il disastro di photoshop sulla copertina di Vanity Fair

vanity fair

Vanity Fair inizia il 2018 con il botto chiamando ben 13 star per la sua prima copertina. Ad immortalare tutte queste star di Hollywood, Fanity Fair si è affidata alle mani esperte di Annie Leibovitz.

Le fotografie, pubblicate sulla rivista e online hanno immediatamente attirato l’attenzione degli osservatori che ci hanno messo pochi minuti per notare GRAVI errori commessi in photoshop.

L’attrice Reese Witherspoon, che nello scatto qua sotto è accanto a Oprah Winfrey, sembra ad esempio avere tre gambe. Mentre proprio la celebre conduttrice televisiva, in uno scatto poi modificato, ha ben tre mani.


vanity fair

La Witherspoon non sembra aver preso la cosa troppo sul serio e, su Twitter, ironizza: “Bene, immagino che tutto ormai lo sappiate: ho tre gambe. Spero che possiate accettarmi per quella che sono (e non mi scuserò mai per quella stretta di Oprah. Se ne avete l’opportunità anche voi, ve la raccomando fortemente)”.

Anche Oprah Winfrey scherza sull’incoveniente e risponde così all’attrice: “Io accetterò le tue tre gambe se tu accetterai le mie tre mani”.

vanity fair

3 gambe e 3 mani. Il disastro di photoshop sulla copertina di Vanity Fair ultima modifica: 2018-02-01T16:00:37+00:00 da Stefano

Riguardo all'autore

Stefano

Sono un informatico con la passione smisurata per la fotografia, ho fondato il PHOTOBLOG nell'estate del 2016 per cercare di unire la mia passione al mio lavoro.
Ho iniziato per scherzo e ora mi ritrovo, con enorme orgoglio e umiltà, a gestire un sito in continua crescita tra i più visitati in Italia nel suo genere.
Cerco sempre notizie fresche, collaborazioni con fotografi e argomenti che possano essere utili a chiunque si avvicini al fantastico mondo della fotografia.

Lascia un commento a questo articolo

Clicca qua per lasciare un commento

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!