Corso base di fotografia digitale

Corso di fotografia online gratuito – 2° lezione – La macchina fotografica digitale: diverse tipologie

Corso di fotografia online gratuito – 2 lezione

In questa seconda lezione analizzeremo in dettaglio le diverse tipologie di macchine digitali fotografiche in commercio. Prima di passare a lezioni più interessanti dove impareremo ad utilizzare la nostra macchina e capiremo bene come usarla al meglio in ogni occasione, dobbiamo capire quali sono le diverse tipologie di fotocamere digitali che il mercato ci offre.

Come vi ho già anticipato nell’articolo “consigli sull’acquisto della vostra prima fotocamera digitale”, è molto importante sapere cosa offre il mercato perché, in base alle vostre esigenze, potrete optare su una tipologia piuttosto che su un’altra.

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono queste tipologie.

Compatte

Sono fotocamere che hanno un obiettivo non intercambiabile. Solitamente è un obiettivo con uno zoom integrato anche se in alcune fotocamere troviamo obiettivi a focale fissa.

Corso di fotografia online gratuito

Come indicato dal nome sono fotocamere generalmente piccole, poco ingombranti e dal peso ridotto anche se, in alcuni casi, si possono trovare compatte grosse e pesanti.

Sono estremamente facili da usare, solitamente funzionano in automatismo competo e non permettono nessun tipo di regolazione manuale (a parte qualche filtro da poter applicare prima dello scatto), quasi tutte ormai fanno anche video in full HD a 1920×1080 pixel.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezioneCorso base di fotografia digitale – 2° lezione

Montano un sensore piccolo, mediamente grande 6×8 mm. Questo consente di poter costruire macchine di dimensioni ridotte. L’aspetto negativo di tutto ciò è la qualità dell’immagine che non può esser minimamente paragonata ad una reflex, inoltre un sensore piccolo non riesce a gestire bene la sensibilità e le fotografie ad alti ISO risultano piene di “rumore” fastidioso. Per questo motivo le fotocamere compatte sono adatte a scattare in piena luce in esterno ma non lavorano assolutamente bene in condizioni di luce scarsa se non usando il flash.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezione

Un altro difetto delle compatte è che, essendo completamente automatiche, spesso sono lente nello scattare. Questo fa sì che a volte le foto vengano mosse o che si perda l’attimo fuggente.

Infine, essendo completamente prive del mirino, in condizioni di forte luce o in esterno col sole, si viene a creare un forte riflesso sul display e risulta praticamente impossibile ottenere una buona inquadratura.

Sul mercato si trovano compatte che vanno da poco meno di 100 euro sino a 500-600 per le migliori.

Conclusioni

Sono adatte per foto generiche in esterni, in viaggio, per chi vuole poco peso addosso e per chi vuole spendere poco.

Non sono adatte a scattare foto con poca luce, per fotografie di sport o naturalistiche e per chi è molto esigente in termini di qualità.


BRIDGE

Le fotocamere bridge sono essenzialmente delle fotocamere con un funzionamento intermedio tra una reflex e una compatta. Questo tipo di fotocamere hanno come caratteristica principale uno zoom che da grandangolare o normale può arrivare facilmente alle dimensioni di un teleobiettivo. Tale zoom è dotato di stabilizzatore incorporato che aiuta, in condizioni di scarsa luce, ad evitare il micro mosso.

Una caratteristica che le differenzia dalle compatte è la disponibilità di utilizzo delle principali modalità di esposizione (manuale, priorità di diaframmi, priorità di tempi, automatica) mentre una caratteristica che le differenzia dalle reflex è la presenza di un obiettivo fisso e non intercambiabile.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezione

Montano un sensore piccolo, simile a quello delle compatte ma grazie alla maggiore qualità delle lenti, gli scatti risultano migliori rispetto alle compatte. Tali lenti però, avendo zoom importanti, tendono ad essere poco luminosi per cui fotografare in condizioni di poca luce può risultare difficoltoso.

Hanno un design compatto, un’impugnatura comoda anche se risultano abbastanza ingombranti.

Conclusioni

Di tutte le tipologie di fotocamere, le bridge le sconsiglio vivamente. Sono ingombranti, poco luminose e hanno praticamente il costo simile ad una reflex entry level.

L’unico vantaggio che hanno è questo zoom spropositato che però non è intercambiabile e risulta spesso poco luminoso. Sono pertanto sconsigliate per fotografie sportive o di animali in libertà.


MIRRORLESS

Sono le ultime arrivate sul mercato, sono in forte crescita e in alcuni paesi (vedi Giappone per esempio) hanno già superato le reflex come numero di macchine vendute.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezione                       Corso base di fotografia digitale – 2° lezione

Esteticamente sono simili ad una grossa compatta alla quale però si può cambiare l’obiettivo, dal grandangolo al teleobiettivo. Tecnicamente, rispetto alle reflex, sono prive dello specchio interno che riflette l’immagine nel mirino (vedremo il funzionamento nelle prossime lezioni). Questo permette alle mirrorless di avere un corpo macchina ridotto. Al contempo però, in assenza del mirino come accade nelle compatte e nelle bridge, non è possibile vedere ciò che l’obiettivo sta veramente catturando.

Le prestazioni in termini di qualità dell’immagine sono ottime. Grazie al loro sensore più grande rispetto ad una compatta sono in grado di catturare più informazioni e di avere un ottimo rapporto segnale/rumore anche ad alti ISO.

Le mirrorless, come tutte le altre fotocamere, possono essere utilizzate in totale automatismo ma hanno anche la possibilità di numerose regolazioni manuali. Inoltre tutte (o quasi) possono riprendere video in full HD a 1920×1080 pixel.

Ultima, ma non ultima caratteristica interessante, è che attraverso appositi anelli di raccordo, si possono montare moltissimi obiettivi per fotocamere reflex.

Il costo non è propriamente economico ma, data la qualità, sono soldi spesi bene. Si parte da un minimo di 350-400 euro sino ad arrivare a oltre 1000.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezione

Conclusioni

Personalmente, trovo le mirrorless una bellissima novità nel mondo della fotografia. Queste fotocamere sono indicate bene o male a tutti gli usi. Sono leggere, poco ingombranti e con un’ottima qualità dell’immagine.

Le consiglio a chi si sta per acquistare la sua prima fotocamera e non vuole esagerare con una reflex ma allo stesso tempo vuole avere qualcosa di più di una compatta.

Al momento l’unico problema è il prezzo ancora elevato ma con il tempo e con l’evolversi dei modelli credo che potranno diventare decisamente più economiche.


REFLEX

Le reflex sono le macchine più usate dai fotoamatori evoluti e dai fotografi professionisti e hanno delle caratteristiche che le rendono praticamente ideali per fotografare in ogni occasione.

I vantaggi delle reflex, rispetto alle categorie di cui abbiamo parlato prima, sono innumerevoli:

  • Grazie ai sensori decisamente più grandi (in particolar modo se parliamo di full frame) la qualità dell’iimagine è decisamente superiore ad una compatta o ad una mirrorless.
  • Sempre grazie alla qualità e alle dimensioni del sensore non ci sono particolari problemi ad alte sensibilità pertanto si può fotografare anche in condizioni di poca luce.
  • Sono molto più rapide a scattare rispetto ad una compatta e ciò ci permette di catturare l’attimo giusto (per esempio in un evento sportivo)
  • Grazie al sistema specchio/pentaprisma/mirino (entreremo nel dettaglio nelle prossime lezioni) la messa a fuoco e l’inquadratura possono avvenire con assoluta precisione. Ciò che inquadrerete nel mirino sarà ciò che effettivamente andrete a registrare sul sensore.

Sul mercato ci sono innumerevoli obiettivi e accessori anche non della stessa marca della fotocamera che ci permettono di scegliere in totale libertà.

Corso base di fotografia digitale – 2° lezione

I pezzi ad oggi variano da 350-400 euro per le entry level sino ad arrivare a 10.000 euro circa per le top di gamma.

Conclusioni

Se siete ancora indecisi se acquistare o no una reflex, l’unica domanda che vi dovete porre è quella se siete disposti o no a portarvi dietro un oggetto abbastanza ingombrante e pesante. Questo infatti, secondo me, è l’unico difetto delle fotocamere reflex.

Per il resto le consiglio a tutti quelli che hanno intenzione di fare cose “serie”, questo genere di fotocamera non è un giochino. Serve tempo e voglia per imparare ad usarla ma alla fine vi darà delle grosse soddisfazioni.

Se vi siete persi le lezioni precedenti potete consultare questa pagina dove c’è un riepilogo di tutte le lezioni del corso.

Inoltre, se vi è piaciuta questa lezione vi chiedo la cortesia di condividerla. Grazie!

Corso di fotografia online gratuito – 2° lezione – La macchina fotografica digitale: diverse tipologie ultima modifica: 2015-05-05T15:27:11+00:00 da Stefano
offerte amazon

2 Commenti

Clicca qua per lasciare un commento

  • Ottimo corso. Ci tengo a precisare che non è ormai vero che montando obiettivi con gli anelli adattatori sulle mirrorless si perdono gli automatismi. Io ho una eos m e monto un tamron 18-200 e un yonghuno 50 mm, entrambi funzionano egregiamente.

    • Ciao Nicola, ti ringrazio della precisazione. Quando scrissi l’articolo ero convintissimo che gli anelli adattatori facessero perdere gli automatismi. Ho aggiornato la lezione togliendo la frase errata.
      Grazie ancora, a presto.

      Stefano

SEGUI IL PHOTOBLOG

ISCRIZIONE NEWSLETTER

Ricevi i miei articoli direttamente sulla tua casella di posta 1 SOLA volta al mese.
Tranquillo, anche io odio lo spam!